Ritrattamenti canalari

Un secondo intervento di devitalizzazione dentale

Non è infrequente in questi casi la presenza di calcificazioni all’interno dei canali già trattati, che rendono difficile se non improbabile la progressione degli strumenti e che spesso compromettono il successo del trattamento.

Parlare di un dente già devitalizzato non necessariamente significa che non possa insorgere dolore ed infezione nella stessa zona. Ovviamente non è il nervo del dente il responsabile, dal momento che lo stesso è stato eliminato, ma l’innervazione dei tessuti ossei e mucosi limitrofi alla radice del dente interessato.

In questi casi i batteri trovano un ambiente favorevole alla propria riproduzione e si moltiplicano causando in seguito, un’infezione dei tessuti ossei vicini (ascesso dentale) e quindi ecco la causa della forte sintomatologia dolorosa.

Una causa molto frequente di reintervento su un dente già devitalizzato può essere un canale radicolare, magari non perfettamente sigillato, reinfettato da batteri
provenienti dal circolo sanguigno o dall’ambiente orale (ad es. un’otturazione o una protesi non perfettamente congrua) il cui nervo è stato già eliminato con il
precedente trattamento endodontico.

Ti serve un consulto medico?
Prenota ora il tuo Check Up gratuito nel nostro studio!

× Scrivici qui