ENDODONZIA

I tuoi denti sono un bene prezioso, conservali più a lungo con un trattamento endodontico

L’endodonzia ha come campo d’azione l’interno del dente e quindi la polpa dentaria. Si ricorre alla terapia endodontica in caso di carie profonde e forti infiammazioni che interessano la polpa dentale al fine di mantenere intatta la struttura del dente.

C’è chi la chiama cura canalare, chi devitalizzazione del dente, chi denervazione e chi persino “distruzione del nervo”, ma tutti quanti stanno parlando della stessa cosa cioè della cura endodontica. Quando in piena notte ci svegliamo con un battente ed insopportabile dolore, (auguriamoci non accada mai!) è proprio l’interno del nostro dente che si è inevitabilmente infiammato: siamo perciò affetti da una fastidiosa pulpite. Ma come è fatto l’interno del nostro dente? Immaginiamoci un insieme di piccoli canali che si possono dilatare al passaggio del sangue necessario a tenere in vita il dente come ogni altra parte del nostro corpo. Insieme a questi canali decorre anche un sottile” filo elettrico”, il nervo dentale.

Quando si crea un attacco da parte di un “esercito di batteri” nella parte interna del nostro dente, arriva una quantità maggiore di sangue all’interno dei canali che dilatandosi comprimono il nervo che, di conseguenza, va” in corto circuito”. La stessa cosa accade quando una grossa perdita di sostanza dentale (per effetto di una carie) espone il nervo dentale ai batteri sopraggiunti dall’esterno. La terapia endodontica a questo punto consiste nel pulire il contenuto dei canali del dente infetto e sigillarli ermeticamente al fine di impedire a qualsiasi batterio di penetrare all’interno del dente stesso.

L’insieme degli interventi endodontici volti a salvare la struttura del dente sono:

  • Diga dentale
  • Terapia canalare
  • Otturazione del dente
  • Ritrattamenti canalari
  • Perni endocanalari
  • Apicectomia canalare

Ti serve un consulto medico?
Prenota ora il tuo Check Up gratuito nel nostro studio!

× Scrivici qui